Banner gennaio 2017 Image Banner 1080 x 300

Il lunedì è sempre un po' duro. 
Ricominciare con tutte le attività che fanno parte della nostra routine richiede parecchio sforzo e il 
suono della sveglia non è mai bello sentirlo. 

Io come già anticipato sui miei social non mi sono concessa nessuno sgarro durante il weekend, 
ma avendo avuto un po' di tempo in più da dedicare a me stessa e non riuscendo 
mai a rinunciare al gusto, sono riuscita a preparare qualcosa di super buono nonostante le restrizioni. 

Io sono una di quelle che trascorre le ore felice quando sa di dover mangiare qualcosa di buono a pranzo o a cena 
e siccome questa pasta mi è piaciuta particolarmente tanto e mi ha resa felice, 
ve la propongo oggi con la speranza di poter rendere un po' meno pesante il vostro lunedì . 

" Il lunedì. 
Anzi, il momento in cui finisce la domenica, che è un attimo preciso e sfuggente tra una pietanza e l'altra del pranzo,
in cui si sente e tutti intorno sentono che la domenica è finita, prima che cominci ancora 
un'altra mezza giornata. Poi si finge di dire che la domenica è finita quando comincia a imbrunire, ma lo si fa per convenzione, 
perché è finita molto tempo prima. " 

Non ho mai ben capito il perché, ma il lunedì ha sempre un retrogusto un po' amaro. 
Avevo deciso che sarebbe stato uno di quei weekend in cui finalmente 
godi del calore del letto e del piacere di rimanere per l'intera mattinata a gironzolare per casa 
con ancora il pigiama addosso. 
Uno di quelli senza orari e senza programmi, in cui le ore scorrono lente e l'unica cosa della quale ti preoccupi 
è di trattenerli il più possibile questi momenti di " nullafacenza " che sono dei 
veri e propri momenti sacri. 

L'accesso alla cultura è ormai alla portata di tutti e ciò dovrebbe darci la possibilità di evitare che accadano certe " sciocchezze"
Eppure ancora oggi accadono cose che lasciano esterefatti e senza parole.
Questo è quanto è accaduto ieri qui, nella mia terra, a qualcuno che si è fidato delle parole di colui che credeva esperto

" Una donna di 66 anni è entrata in stato saporifero tre giorni fa a Catania, dopo aver incominciato una dieta che prevedeva l'assunzione di
otto litri d'acqua al giorno. Ricoverata nell'ospedale Cannizzaro, dove è arrivata in codice rosso con un'ambulanza
del 118, è stata subito sottoposta a visita anestesiologica e neurologica a terapia per la correzione dei valori fisiologici, estremamente fuori norma."

Pagina 6 di 6

About me

Mi chiamo Giulia Iannaccone ho 21 anni e vivo a Priolo Gargallo , un piccolo paesino della Sicilia in provincia di Siracusa . 

Feature posts

Contact info